Formazione professionale

Di formazione chirurgo-plastica, si specializza nel 1989 in Chirurgia Plastica (70/70 e lode presso la Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell’Università degli Studi di Milano, Dir. Prof. L. Donati) e si impadronisce di quelle tecniche, soprattutto ortopediche (1994 specializzazione in Ortopedia e Traumatologia con indirizzo chirurgia della mano e microchirurgia Ortopedica presso la Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia dell’Università di Brescia, Dir. Prof. G. Brunelli con 50/50), che sono fondamentali per affrontare in modo totale e corretto la chirurgia della mano.

Questo in linea con la Scuola Inglese e Francese, con le quale ha stretti e costanti rapporti, che vede proprio nella figura del “chirurgo plastico e della mano” convergere le singole discipline chirurgiche e realizzarsi quel bagaglio di conoscenze necessario per affrontare un campo tanto delicato e peculiare della patologia umana. Ha conseguito, inoltre, la Specialità Europea presso l’UEMS European Board of Plastic, Re-costructive and Aesthetic Surgery, con pieni voti (Bruxelles nel 1994). Fautore del lavoro in équipe interdisciplinare, nel 2004 ha fondato la SIMI (Società Italiana Infermieri Mano) di cui è attualmente Presidente.

Forte di una esperienza maturata in prestigiosi contesti nazionali (1994 Divisione di Chirurgia Plastica e Centro Ustioni, Ospedale Ca’ Granda Niguarda di Milano, Prof L. Donati nel 1988 Prof. E. Morelli, Castellana (VA); 1999 Ospedale San Raffaele di Milano come Responsabile del Servizio di Chirurgia Plastica e della Mano) ed internazionali (Prof. G. Foucher, Strasburgo), nel 1997 è chiamato dal Prof. L. Silvello, Primario della Divisione di Ortopedia e Traumatologia, quale Responsabile del Servizio di Chirurgia della Mano del Policlinico MultiMedica di Milano. Dal 1999 diviene responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia della Mano presso MultiMedica Holding S.p.a. L’Unità Operativo è entrata a far parte del CUMI (Coordinamento urgenze Mano Italia) dal 2005 ed è il riferimento per l’intera Regione Lombardia.

Nel 2002 è stato, inoltre, nominato Professore Associato di Chirurgia Plastica presso Università degli Studi di Milano ed è Direttore dell’Istituto di Chirurgia Plastica dell’Università degli Studi di Milano. È, inoltre, direttore del Centro Studi Mano, associazione culturale no profit riconosciuta dalla Regione Lombardia, il cui fine statutario è lo studio, la ricerca e l’insegnamento, delle tecniche chirurgiche e riabilitative nel trattamento delle patologie della mano.

Ha partecipato attivamente, sin da studente, alla vita scientifica e sociale delle più prestigiose società di settore italiane (S.I.C.P.R.E., S.I.C.M., Società Italiana di Microchirurgia, Società Lombarda di Chirurgia Plastica) e straniere (G.E.M., I.F.S.S.H., F.E.S.S.H.) e nel 2002 è stato nominato Consigliere con l’incarico di Commissario per l’accreditamento dei reparti di Chi-rurgia della Mano in Italia per la SICM (Società Italiana di Chirurgia della Mano).

La vasta competenza raggiunta mediante la ricerca e l’esperienza clinica lo hanno portarlo ad essere coinvolto in corsi presso Università, Perfezionamento, Scuole di Specialità in Chirurgia Plastica, Ospedali, ASL, congressi e riviste di rilievo internazionale. Presente a 212 congressi, fra nazionali ed internazionali, ha complessivamente resentato 127 relazioni e prodotto 156 pubblicazioni. I contributi, basati sulla propria esperienza clinica e chirurgica, sono centrati sulla chirurgia della mano nei suoi aspetti plastici, ortopedici, neurochirurgici, malformativi, riabilitativi, vascolari e sulla microchirurgia in chirurgia plastica. La vasta competenza raggiunta mediante la ricerca e l’esperienza clinica lo hanno portarlo ad essere coinvolto in corsi presso Università, Perfezionamento, Scuole di Specialità in Chirurgia Plastica, Ospedali, ASL, congressi e riviste di rilievo internazionale. Presente a 212 congressi, fra nazionali ed internazionali, ha complessivamente resentato 127 relazioni e prodotto 156 pubblicazioni. I contributi, basati sulla propria esperienza clinica e chirurgica, sono centrati sulla chirurgia della mano nei suoi aspetti plastici, ortopedici, neurochirurgici, malformativi, riabilitativi, vascolari e sulla microchirurgia in chirurgia plastica.